Canalizzare l’energia: iniziamo con un semplice esercizio

Alcuni di voi mi hanno chiesto di trascrivere un esercizio che abbiamo fatto durante un workshop dedicato ai chakra, per poterlo rifare a casa anche con familiari o amici che non hanno mai provato, essendo un esercizio di livello base.

L’esercizio serve dare maggiore equilibrio al primo chakra, quello della radice.
Questo chakra è situato alla base della nostra colonna vertebrale e rappresenta il collegamento con la Madre Terra. Se abbiamo il chakra della radice in equilibrio, sarà più facile avere anche gli altri in equilibrio, proprio come le fondamenta delle case danno stabilità e sicurezza per poter costruire il resto del palazzo.

Nei testi classici di tantra yoga, Mūlādhāra, che in sanscrito significa “radice, sostegno“, viene raffigurato da un fiore di loto a quattro petali color cremisi. Questo chakra è associato all’infanzia, alle emozioni, alla gioia di vivere e al senso di sicurezza. Se si praticano esercizi sul Muladhara, si favorisce stabilità e rafforzamento dell’organismo sia fisico che emotivo.

Prima di passare al nostro esercizio, ancora qualche informazione sul primo chakra, in particolare se siamo in un periodo in cui stiamo per affrontare un cambio di lavoro, casa o a livello personale. Infatti, quando questo chakra è “SCARICO” – cioè non fluisce energia a sufficienza, potremmo provare senso di insicurezza, non avere forza per le attività quotidiane e sentirci scoraggiati nell’affrontare qualsiasi situazione. Al contrario quando c’è un “SOVRACARICO” di energia possiamo essere rigidi e contrari ai cambiamenti, essere aggressivi e attaccati eccessivamente al denaro.

Dedichiamo ora un po’ di tempo a noi stessi e al nostro benessere, provando questa semplice meditazione. E’ un momento importante e dobbiamo fare in modo di non essere interrotti: spegniamo i cellulari e avvisiamo chi è in casa che per i prossimi quindici minuti siamo impegnati.

Meditazione: equilibrio primo chakra

Trova una posizione comoda: seduta o sdraiata è indifferente, l’importante è che la colonna vertebrale sia bella dritta.
Chiudi gli occhi.
Rilassati e concentrati sul tuo respiro, senza modificarlo, per due minuti: inspira per 4 secondi, trattieni il fiato per 2 secondi, espira lentamente per 4 secondi e aspetta 2 secondi e ripeti per un paio di minuti.

E’ molto importante adesso che concentri la tua attenzione nella zona dove risiede il primo chakra: senti bene dove la base della colonna entra in contatto con la sedia, il letto o il pavimento. E’ molto importante sentire realmente questi punti perché rappresentano la connessione con la Terra. Lascia andare tutte le tensioni e scaricale a terra.
Ripeti a te stesso “io ho sicurezza” oppure “io ho ciò di cui ho bisogno”.
Ora aggiungiamo un ultimo pezzettino: mentre ripeti la frase da te scelta, immaginati un vortice di energia color rosso che gira in senso orario che si allarga se inspiri e si restringe mentre espiri.

All’inizio può risultare difficile e ti succederà di distrarti; con la pratica da 2 o 3 minuti fatti con difficoltà, riuscirai ad aumentare il tempo, a ritrovare la calma e a rilassarti con più facilità. Altri piccoli benefici che si possono ottenere, portando in equilibrio il primo chakra, sono aumentare la fiducia in se stessi, liberarsi dalle paure o dall’ansia, riuscire a lasciare andare le tensioni, le preoccupazioni e anche sentire meno dolori nel corpo.

Se vuoi approfondire alcune tecniche che portano beneficio e energia di guarigione puoi leggere alcuni articoli che usciranno a breve o chiedere una consulenza gratuita, contattandoci.
Ci sono due pratiche che io utilizzo su me stessa e sugli altri e che preferisco rispetto ad altre: il Reiki e il Tetha Healing.
Con entrambe, anche unite fra loro, si ottengono straordinari risultati sul corpo, la mente e l’anima. Le sessioni, anche a distanza, aiutano a canalizzare l’energia e lavorare in modo da eliminare quelle barriere che ci ostacolano nello stare bene e nel raggiungere i nostri obiettivi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: