Energia vs Emozioni Negative

Vuoi migliorare la tua vita? Non disperdere la tua energia vitale in litigi, tensioni, recriminazioni, gelosia e chi più ne ha più ne metta.

Il primo o forse il più importante passo da fare nel tuo cammino c.d. di risveglio è sapere chi sei, cosa fai, come ti piace e cosa non ti piace. Se ti conosci bene (più è meglio è) , se metti a fuoco dove sei e dove vuoi arrivare, se sei consapevole … puoi concentrare le tue forze tutte in quella direzione, non permettere ad altri di fuorviarti, rimani sui binari.

Ti sei mai chiesto perché non sopporti proprio una persona o un’altra? E più cerchi di evitare quella persona più ti si presentano di fronte persone simili?



Parliamo un attimo della Legge dello Specchio e della Legge della Risonanza?
Sicuramente difficile da accettare, anzi la prima volta che ne ho sentito parlare mi sono alquanto in….inalberata. “Ma come si permettono di dirmi una cosa del genere?” ho pensato.
Legge dello specchio: se ti dà fastidio la gelosia di tua moglie è perché tu sei geloso al tuo interno; se un collega ti dà fastidio per la sua aggressività è perché anche dentro di te hai dell’aggressività che forse reprimi.
Legge di risonanza: l’universo ci circonda di persone e situazioni che ci permettono di osservare da vicino ciò che è al nostro interno.

Bene ora uniamo le due leggi:
Noi vediamo nel nostro collega l’ aggressività e proprio non lo sopportiamo (legge dello specchio) e il nostro collega è vicino a noi perché il simile attrae il simile (legge di risonanza): cosi ho la possibilità di vedermi meglio, di studiarmi meglio, di accettare i miei difetti e quindi di non vederli più come tali nell’altro, anche perché per la legge di risonanza quella persona si allontanerà da te.

Il giudizio rivolto verso gli altri e quello rivolto a noi stessi, sono semplicemente due facce della stessa medaglia.

Ci arrabbiamo, critichiamo, ci sfoghiamo inutilmente e con un gran dispendio di energie perché vorremmo che gli altri cambiassero.
Ma noi non possiamo cambiare l’altro, NOI POSSIAMO SOLO DECIDERE DI CAMBIARE NOI STESSI (a volte facendo anche una gran fatica perché dobbiamo vincere contro la forza d’inerzia di quello che abbiamo sempre fatto fino a quel momento).
Cosi nelle ore di veglia quando dovremmo essere centrati sui nostri obiettivi per mettere in pratica i nostri talenti, in realtà non abbiamo la forza vitale per farlo.

 In conclusione alcuni punti su cui riflettere:
 
Quando hai certezze non ti interessa necessariamente l’approvazione degli altri. Basti a te stesso. SII CONSAPEVOLE DI TE STESSO, vedi i LATI BELLI non solo quelli negativi.
 
 Una volta che hai individuato l’obiettivo rimani FOCALIZZATO su quello, non guardare altro perché distoglieresti il tuo pensiero dal tuo target.

Se non sei te stesso, se indossi maschere, se fai quello che gli altri si aspettano da te, diventi talmente frustrato che fai tutto senza il minimo entusiasmo, lo fai perché sei obbligato, ti sentirai abbattuto, svuotato e comunicherai al mondo che ti guarda che sei demotivato e senza energia.
Energeticamente stai informando e creando un “campo” che è in dissonanza con il tuo cuore, con te stesso e quello che vuoi.

Vi faccio un esempio su di me…. Quando c’è qualcosa che non mi piace negli altri , mi fermo un attimo a pensare “cosa mi dà veramente fastidio?” Un mio collega ha scritto una mail in cuui sembrava che tutto il lavoro lo avesse fatto lui, invece la maggior parte l’avevo fatta io.
Allora quello che mi dà fastidio è la sua capacità di far credere agli altri che è migliore di me.
Riflettiamo….. è la sua capacità che mi dà fastidio oppure è il fatto che io non ho la stessa capacità? ……

A voi l’ardua sentenza o altre interpretazioni che mi potrebbero aiutare a capire e a non arrabbiarmi ….
Un super abbraccio e buona settimana a tutti……………..Sophie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: