Riflessologia e MTC

La MTC (medicina tradizionale cinese) si basa sulla filosofia tao in cui l’uomo, elemento indissociabile dall’universo, è il LEGAME diretto fra cielo e terra. L’uomo quindi sottosta alle stesse leggi e cicli come tutti gli altri elementi della natura.
Dunque basandosi sull’osservazione dei fenomeni naturali, sui principi dello Yin/Yang e dei 5 elementi e applicandoli all’essere umano si possono spiegare la fisiologia, la psicologia e talvolta anche le patologie.

Ma partiamo dall’inizio:
* ENERGIA = QI
* DUE FORZE OPPOSTE E COMPLEMENTARI = YIN e YANG
* CINQUE ELEMENTI = LEGNO, TERRA, ACQUA, FUOCO e METALLO


Oggi parliamo del QI, del suo significato e come riportarlo in equilibrio in dettaglio e accenneremo solo agli altri due punti e ai meridiani.

All’inizio fu il Caos o meglio all’inizio fu la confusione uniforme, un agglomerato di forza, un fluido vitale ….. all’inizio fu il qi

In Giappone il ki esprime il concetto delle energie fondamentali dell’universo, di cui fanno parte la natura e le funzioni della mente umana. Nell’antica Cina, poiché era visto come la forza che originava tutte le funzioni fisiche e psicologiche, il concetto di ki venne ampiamente utilizzato nella medicina tradizionale cinese, nelle arti marziali e in tutti gli aspetti della vita di tutti i giorni
Nella cultura tradizionale induista il termine con significato corrispondente è il vocabolo sanscrito Prana.

Nella cultura tradizionale occidentale, il significato del termine latino spiritus traduce la parola greca πνευμα (il soffio vivificatore) che a sua volta traduce la voce ebraica rû:ăh (il soffio del vento, il soffio vitale che Dio ha dato all’uomo e che è presente fino alla morte del corpo).
Il QI è quindi la Forza Vitale che scorre in ogni organismo vivente, che circola negli organi interni e nei meridiani generando i principali processi fisiologici (respirazione, digestione, circolazione, etc).

Il qi secondo la MTC, nell’individuo si trova qualche centimetro al di sotto dell’ombelico. In corrispondenza di tale zona anatomica, dovete immaginare un serbatoio caldo di energia che alimentiamo attraverso il respiro, il cibo, le abitudini. Quindi ha tre valenze:

  1. Energia nutritiva: è il yinqi, ovvero il qi che deriva dagli alimenti che ingeriamo, che si trasformano in pura energia da utilizzare. Questa energia circola in tutti i canali del corpo ed è in stretta connessione con l’energia del respiro. 
  2. Energia respiratoria (o energia celeste), il tianqi. Essenzialmente è l’aria che inspiriamo. L’unione tra tianqi e guqi (energia dei cereali) costituisce la prima energia che abbiamo visto, lo yinqi
  3. Energia “ancestrale”: è l’energia che riceviamo in eredità. Un pacchetto di informazioni che il nostro corpo ha ricevuto dagli antenati e dai genitori. Si chiama jing, ha carattere innato e deriva dall’unione dei gameti.

Noi possiamo cercare quotidianamente di mantenere o riportare in equilibrio il QI per i primi due punti (Energia nutritiva e eneria respiratoria) correggendo per esempio lo stile di vita, mangiando cibi sani nè troppo yin (bevande molto zuccherate, dolci) né troppo yang (consumo eccessivo di proteine animali, troppo sale).
Sul terzo tipo di energia, invece, possiamo solo “andare a risparmio”, poichè è difficile rialzare i livelli dobbiamo fare di tutto per non sprecarlo; dobbiamo allora adottare abitudini quotidiane corrette (una vita sessuale regolare e armonica, praticare ginnastica cd mediche cinesi come il QI GONG o il TAI CHI CHUAN.

Sul terzo tipo di energia, invece, possiamo solo “andare a risparmio”, poichè è difficile rialzare i livelli dobbiamo fare di tutto per non sprecarlo; dobbiamo allora adottare abitudini quotidiane corrette (una vita sessuale regolare e armonica, praticare ginnastica cd mediche cinesi come il QI GONG o il TAI CHI CHUAN.

Esistono sei suoni segreti che permettono di mantenere o riportare il QI in equilibrio, questa pratica fa parte del QI GONG che letteralemte significa “energia coltivare”.
Emettendo questi sei suoni differenti si va ad agire a livello di vibrazioni che si ripercuotono sugli organi e relativi visceri, e sulle emozioni associate a ciascun organo. E’ come applicare un balsamo che lenisce il dolore e depura facendo uscire il negativo e instaurando un livello di vibrazioni corretto per ciascun organo.

Semplificando un po’…
si tratta di espirare l’aria viziata e accompagnare ogni espirazione con uno dei sei suoni e un movimento del corpo. L’insieme di questi due atti fa si che il QI riprenda a circolare in modo ottimale attraverso i meridiani.


E ora come promesso solo qualche accenno agli altri due punti che sono alla base della riflessologia: YIN e YANG .
Lo Yin e lo YANG sono DUE FORZE OPPOSTE E COMPLEMENTARI:
* YIN: è il lato femminile e materno, rappresentato dalla luna. E’ un’energia ricettiva: genera immobilità, è rigida e fredda, umidità e calma, mente intuitiva e complessa. Lo TIN è la quiete contemplativa del saggio.
*YANG: è il alto maschile, rappresentato dal sole. E’ un’energia creatrice: genera movimento, calore, secchezza e forza. Lo Yang è associato al cielo, all’intelletto maschile, lucido e razionale. Lo yang è la forte attività creatiova del Re.

Lo yin contiene al suo interno lo Yang, e viceversa. La simmetria non è statica. E’ una simmetria rotazionale che richiama alla mente un movimento ciclico e continuo.


La Scuola Filosofica Naturalistica (350 – 270 a.C.), la stessa che aveva sviluppata la teoria dello yin yang, sviluppò in tempi più tardi anche la teoria dei Cinque Elementi e le loro interazioni.

La costituzione dell’individuo, infatti, dipende dal prevalere di uno dei cinque elementi: legno, fuoco, terra, metallo, acqua. La loro influenza riveste un ruolo fondamentale, nella personalizzazione della cura e nella prevenzione.

Si tratta di 5 processi fondamentali, 5 fasi del ciclo, 5 qualità, 5 possibilità di cambiamenti di un fenomeno. Ad ognuno di loro corrisponde una stagione, un clima, un organo, un’emozione, un suono, un sapore, un’azione, un colore, un meridiano collegato e sono estremamente connessi l’uno con l’altro.


Prima di lasciarvi a qualche video su youtube, vi invio un abbraccio di energia. Sophie


Ecco qualche video in Italiano che vi può far capire meglio alcuni iniziali esercizi che si possono fare per approciarsi al Qi GONG

https://www.youtube.com/channel/UCViG4rt2LLZmS5uvpCxE9cw/featured

Una piccola pausa di 5 minuti per rigenerarsi con il QI GONG
Risveglio con Qi GONG 15-20minuti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: